Benefici della marijuana – Può marijuana aiuta a trattare Le micranna?

Lemicrania è una malattia rara e cronica e autoimmune. È il risultato di una carenza nella produzione del corpo della proteina chiamata collagene. Il collagene è una proteina trovata nella pelle, ossa, cartilagine, tendini, legamenti e altri tessuti connettivi in tutto il corpo. Lemicrania è considerata un disturbo leo-artritico poiché colpisce il tessuto e la cartilagine che supportano il sistema muscoloscheletrico. Ciò significa che la marijuana colpisce il corpo in modo simile che lo fa l’artrite. Mentre molte persone usano la marijuana per alleviare il dolore muscolare e la rigidità, è stato dimostrato causare effetti collaterali avversi in alcuni individui.

Molti sostenitori ritengono che la marijuana dovrebbe essere legalizzata a causa di questi studi. Alcuni suggeriscono anche che dovrebbe diventare un programma programmato (e controllato) nell’atto di sostanze controllate. Altri sono contro l’uso di qualsiasi sostanza nota per avere un potenziale di dipendenza. Tuttavia, alcuni professionisti del settore medico sostengono che potrebbe essere utile nella gestione del dolore muscolare cronico o se usato come soppressore della tosse.

I fatti sembrano dimostrare che ci sono alcune prove che la marijuana ha alcuni effetti positivi su una manciata di pazienti con lemicrania. L’uso della marijuana non è ampiamente raccomandato dall’American College of Reumatologia. La maggior parte dei professionisti medici concordano sul fatto che non c’è semplicemente alcun beneficio noto per l’uso della marijuana. Anche se lo faceva, gli effetti collaterali negativi sarebbero troppo grandi.

C’è uno studio che suggerisce che la marijuana ha alcune proprietà di soppressione dell’appetito. Mentre è vero che la marijuana sopprime l’appetito, lo fa in modo molto malsano. Se ci pensi, la marijuana è un farmaco illegale che può avere gravi effetti collaterali. Con tutte le altre cose malsane che una persona prende ogni giorno, è difficile capire perché prenderebbero la marijuana. L’uso della marijuana come soppressore dell’appetito è semplicemente un altro esempio di abuso di una sostanza legale.

La marijuana non è l’unica cosa che può essere usata per trattare Le Micrania. Ci sono molti altri rimedi omeopatici che pretendono di trattare questa condizione. Alcune persone sono anche disposte a provare cose come l’agopuntura e i magneti. Mentre questi sono solitamente utilizzati come ultima risorsa per le persone che hanno altre condizioni mediche, ci sono coloro che ritengono che non vi sia alcun motivo per evitare cure mediche quando ci sono tanti trattamenti naturali disponibili. I malati di Lemicrania dovrebbero discutere la questione con il loro medico prima di intraprendere qualsiasi linea di condotta. È meglio essere sicuri che dispiaciuti quando si tratta di Le Micrania, poiché le condizioni di salute possono essere pericolose per la vita.

Ci sono certamente molte prestazioni di marijuana. Molte persone lo hanno usato per affrontare il dolore cronico, per alleviare il nervosismo, e come un generale rilassante. Tuttavia, prendere marijuana senza supervisione non è sicuramente raccomandato. L’utilizzo di questa sostanza per scopi medicinali può essere molto pericoloso, e quindi i pazienti con le micranchi dovrebbero usare cautela prima di utilizzare questo o qualsiasi altro farmaco. Se una persona scopre che hanno questo problema, dovrebbero cercare aiuto professionale contemporaneamente.

La marijuana può lavorare leucardella?

La marijuana può lavorare leucardella?

Leucardella è un’infezione fungina non comune che colpisce le unghie, di solito sulla punta o sulla radice. La radice dell’unghia generalmente si sviluppa entro una settimana dopo l’infezione iniziale. Le unghie frequentemente colpite sono solitamente deformate, hanno bordi addensati e fragili. Poiché l’infezione si diffonde può danneggiare i nervi, i vasi sanguigni e persino la pelle che circonda le dita dei piedi e le dita.

La ragione di questo particolare tipo di infezione non è stata ben compresa. Non è chiaro il motivo per cui l’uso della marijuana o altri tipi di funghi possono svolgere un ruolo nel suo sviluppo. Leucardella può essere diffuso in altre parti del corpo tramite contatto diretto. Può anche diffondere attraverso secrezioni dal naso. Poiché questa malattia tende ad influenzare i neonati, coloro che fumano la marijuana sono particolarmente a rischio.

Mentre la marijuana viene tipicamente fumata, alcuni utenti la ingeriscono anche quando si cucina con altri farmaci come cocaina o eroina. Anche dopo la morte, la marijuana viene spesso bruciata su pietre di cremazione o sparse in spazzatura. Sebbene la marijuana non sia tossica di per sé, contiene molte delle stesse sostanze chimiche che si trovano in altri farmaci che possono essere velenosi se presi internamente. Pertanto, sebbene la marijuana non sia una droga ideale per qualcuno con Leucardella, può ancora essere molto efficace nel trattamento della condizione attraverso l’uso dei farmaci da prescrizione.

Per la maggior parte delle persone, l’efficacia della marijuana nel trattamento di questa condizione è solo mite. Sebbene possa essere molto efficace nell’essicurare le lesioni e il dolore associato a Leucardella, fa poco per alleviare la malattia effettiva. A differenza dei farmaci da prescrizione, la marijuana non è una cura a lungo termine per la condizione. Se l’infezione non si chiarisce da sola, potrebbe essere necessario considerare altre opzioni di trattamento.

Tuttavia, mentre è più efficace come un trattamento a breve termine, alcune persone trovano sollievo dalla marijuana. Ciò è principalmente dovuto al fatto che la marijuana è anche un potente rilassante. Inoltre, la marijuana ha un numero di aromi diversi che possono aiutare a fornire sollievo dai sintomi del Leucardella. Perché ha molti effetti diversi sul corpo, è importante parlare con il tuo medico prima di prendere marijuana. Non tutte le condizioni mediche sono adatte per l’uso della marijuana, quindi dovresti anche controllare con il fornitore di assistenza sanitaria per assicurarsi che la marijuana non abbia effetti negativi sulla tua attuale condizione medica.

Come con qualsiasi tipo di medicina, la marijuana può avere effetti collaterali e complicazioni. Pertanto, dovresti sempre parlare con il tuo medico prima di usare la marijuana. Ciò consentirà al tuo medico di garantire che non avrà effetti dannosi sulla condizione attuale. Sebbene la marijuana sia generalmente al sicuro, dovrebbe ancora essere usato con cautela da coloro che sono incinti o infermieristici.

Lemicrana, la medicina alternativa per lemicrania

Lemicrania è una condizione che colpisce la funzione muscolare delle mani e anche le due braccia superiori. La condizione ha le sue radici nell’uso della marijuana, e alcuni studi dimostrano che l’uso della marijuana può effettivamente peggiorare gli effetti di questa malattia. Questo è il primo studio per dimostrare che l’uso della marijuana può effettivamente comportare l’esacerbazione del lemicrania. Lemicrania è solitamente diagnosticata nelle sue fasi iniziali, alla nascita, anche se la causa esatta rimane sconosciuta. L’uso della marijuana durante il periodo neonatale può essere correlato a un rischio maggiore di aborto spontaneo o stillbirth nel neonato. Il grado di compromissione della funzione muscolare può essere simile, tuttavia.

Lemicra è solitamente causata da ferite ai tessuti molli o ai tessuti connettivi. È anche più comune nelle persone che usano regolarmente la marijuana. È più probabile che interessano maschi, sebbene siano stati rilevati casi nelle femmine. Con l’età, il danno a questi tessuti può diventare più grave e può richiedere un intervento chirurgico per correggere la deformità.

Come droga, la marijuana può avere alcuni effetti collaterali. Questi includono la perdita di appetito, vertigini, nausea e sonnolenza. Inoltre, l’uso a lungo termine può comportare una diminuzione della mobilità congiunta. Infatti, alcuni di questi effetti collaterali rispecchiano la malattia di Parkinsons, e quindi Lemicrana non è raccomandata per uso a lungo termine. Tuttavia, ci sono alcuni rari casi in cui questi sintomi migliorano mentre il corpo si adatta al farmaco.

Come pianta medicinale, la marijuana è una droga organica. Pertanto, può essere convertito in prodotti chimici diversi, tra cui Delta-9-Tetraidrocannabinolo (THC), che può fungere da alternativa valida al tetraidrocannabinolo pericoloso. Ad oggi, l’unico uso approvato di THC è per il trattamento del cancro. Tuttavia, alcuni ritengono che possa avere molti benefici medici, poiché ha effetti biochimici simili a quelli della chemioterapia e dei farmaci oppiacei.

Lemicrana è considerata relativamente sicura rispetto ad altri medicinali alternativi come la marijuana. Tuttavia, dovrebbe sempre essere conservato sotto forma di un vaporizzatore o bottiglia, poiché i vaporizzatori emettono principalmente fumando e potrebbero non essere favorevoli per alcuni problemi del tratto respiratorio come la sinusite. La cosa più importante è mantenere la medicina. Ciò significa che non smettere mai di usarlo senza consultare il medico.

Se usato come parte di un programma di trattamento olistico orientato verso il trattamento di Lemicnana, è considerato relativamente sicuro. Tuttavia, dovresti sempre essere trattati con rispetto e non usare mai la marijuana come un modo per sfuggire alla realtà. Questo potrebbe solo peggiorare la tua condizione. Può anche portare a gravi complicazioni irreversibili. Quindi, assicurati di discutere di tutti i tuoi piani con il medico prima di iniziare qualsiasi farmaco per lemicrania.

Semi di canapa: semi di marijuana e un’alternativa naturale al piatto – scopri come funziona

Molte persone si chiedono se la marijuana è davvero buona per te. Contrariamente a ciò che molti credono, ci sono alcuni benefici precisi per mangiare la marijuana. A differenza della canapa, la marijuana è ancora bandita federalmente. Tuttavia, anche se non è ampiamente disponibile come la canapa, molti americani stanno ancora scoprendo un nuovo modo per includere semi di marijuana alla loro dieta quotidiana. Spesso lo fanno per la stessa ragione per cui i coloni hanno fatto ritorno nei vecchi tempi.

Nei vecchi tempi, la gente avrebbe consumato semi di cannabis per fare prodotti di canapa. Quando questo processo è stato scoperto per la prima volta, la maggior parte dei prodotti è stata respinta dalla FDA perché contenevano troppo la pianta. Tuttavia, con il passare del tempo e delle nuove tecnologie, i semi vengono ora utilizzati per creare prodotti EDIbles come biscotti, birra e champagne. Ciò ha dato un’industria del vaso, che comprende semi di marijuana, una grande spinta in vendita.

Sebbene i semi di marijuana e i prodotti a base di semi di canapa non siano ancora disponibili sugli scaffali dei negozi di generi alimentari, gli studi continuano a rivelare i benefici positivi di queste due colture. Ad esempio, mentre la canapa è nota per avere notevoli benefici per la salute, gli studi hanno dimostrato che l’impianto ha anche proprietà anti-invecchiamento. Molte persone usano questa pianta al posto di Aspirina o Ibuprofene perché è un’alternativa tutto naturale. Ciò significa che se soffre di mal di testa cronica, dolore muscolare o altri disturbi, è probabile che tu abbia dei semi di marijuana nella tua armadio.

Due principali composti attivi trovati nei semi di marijuana e nei semi di cannabis sono THC e CBD. Si ritiene che i due lavorino insieme per prevenire gli effetti dannosi che diventano evidenti quando viene affumicato la cannabis. Coloro che sono sotto l’influenza di questa sostanza sperimentano tipicamente un alto, simile a quello sperimentato mentre è alto su una sigaretta. Tuttavia, coloro che non fumano segnalano sentimenti di relax, riduzione dell’ansia e una differenza nella chimica del cervello. In effetti, queste stesse sostanze chimiche possono essere trovate in prescrizione di antidolorifici come OxyContin e Vicodin.

I benefici dell’utilizzo di semi di marijuana e semi di canapa non sono esclusivamente per scopi medici. È stato anche scoperto che questi estratti basati sull’impianto possono ridurre in modo significativo gli effetti negativi del ritiro quando una persona decide di smettere di usare l’eroina. Questi semi di semi e semi di cannabis sono attualmente stati ricercati dai principali team di ricerca per determinare i benefici esatti che possiedono.

Mentre c’è ancora molto di più da conoscere i benefici di queste due piante, le informazioni finora indicano che hanno promettente vantaggi per gli usi medici e di altro tipo. Inoltre, gli utenti di queste due fonti hanno riportato alcuni piccoli effetti collaterali come lieve nausea e diarrea. Tuttavia, questi rimangono trascurabili rispetto ai numerosi effetti collaterali negativi associati all’uso convenzionale della marijuana. Fino a quando sono condotti ulteriori studi per convalidare l’efficacia di questi due estratti di marijuana, sembra chiaro che vale la pena provare i semi di canapa per te stesso.

Marijuana e Cancro – La nuova ricerca dimostra i benefici medicinali

La marijuana e il cancro sono un argomento controverso. La ricerca sembra indicare che l’utilizzo della marijuana può ridurre il tasso di sopravvivenza per i pazienti con cancro. Alcune prove suggeriscono anche che l’utilizzo della marijuana può ridurre l’efficacia di determinati trattamenti del cancro come la chemioterapia. Questo articolo si concentrerà sulle proprietà medicinali della marijuana e del cancro.

Innanzitutto, diamo un’occhiata a come funziona la marijuana medica. THC o Tetraidrocannabinolo è il componente principale trovato nella marijuana medica. THC aiuta ad alleviare il viaggio che molti utenti hanno preso da un fumo di marijuana. Può anche aiutare nel sollievo dal dolore della nausea, dei dolori e dell’infiammazione senza creare l’alto associato ad altri tipi di tabacco.

CBD è un diverso tipo di composto di THC. Mentre non è psicoattivo come THC, non è lo stesso. CBD ha dimostrato di imitare efficacemente l’esperienza medica della marijuana senza i cattivi effetti collaterali. Oltre a ridurre gli effetti collaterali negativi, CBD non è tossico come THC. Gli studi hanno esaminato gli effetti collaterali e i potenziali benefici per vari trattamenti del cancro.

Lo studio condotto dal National Cancer Institute ha guardato due diversi gruppi di gemelli. Un gruppo è stato assegnato casualmente per ricevere la marijuana medica mentre l’altro set è stato assegnato in modo casuale per ricevere la terapia standard. Dopo un anno, i soggetti che hanno ricevuto la marijuana medica hanno avuto un’incidenza significativamente più bassa di morte da tutti i tumori, nonché una maggiore frequenza di sopravvivenza rispetto a quelle del Gruppo Placebo. I ricercatori hanno fatto un passo avanti dicendo che il trattamento con la cannabis può anche impedire lo sviluppo di tumori pre-cancro. I risultati sono stati pubblicati sul cancro del giornale. Lo studio è importante perché supporta l’idea che la marijuana medica non sia efficace solo nel trattamento della malattia, ma può anche aiutare a prolungare la vita e possibilmente rallentare la crescita delle cellule pre-cancerose.

È noto che gli utenti medici della cannabis possono ridurre la nausea e gli aiuti nella perdita di peso dei pazienti chemioterapici. Più recentemente, i medici canadesi stanno anche indagando gli effetti dell’uso medico della cannabis sul cancro alla prostata e in altre forme di cancro. Alcuni esperti ritengono che la marijuana sia meglio prese sotto forma di integratori a base di erbe piuttosto che fumarci come sigarette. In effetti, molti pazienti con cancro stanno ora eleggendo per ingerire la cannabis attraverso l’ingestione di oli a base di cannabis. Questi oli hanno dimostrato di avere proprietà medicinali simili a THC, ma senza gli effetti collaterali dannosi associati all’ingegnando dosi più grandi di THC.

Attualmente, in America ci sono tre stati che attualmente consentono ai pazienti di utilizzare la marijuana per scopi medicinali. In Canada, diverse province hanno legalizzato la cannabis medica. Mentre questa sostanza è stata dimostrata efficace nel trattamento di una serie di disturbi, c’è ancora molta più ricerca necessaria per determinare la sua sicurezza generale per l’uso a lungo termine. Ma non c’è dubbio che i benefici dell’uso della cannabis sono considerevoli. E dato gli effetti collaterali della medicina alternativa come la chemioterapia e il trattamento delle radiazioni, non vi è alcun motivo per non perseguire l’uso medico della cannabis come alternativa invece di prodotti farmaceutici.

Storia della marijuana – Come è diventato così popolare

La storia della cannabis negli Stati Uniti è segnato da molte battaglie e dibattiti sul suo uso, controllo e regolamento. In tutto il paese, gli agenti di polizia hanno cercato di arrendere e criminalizzare coloro che vengono catturati a fumare o ingerire la cannabis. Essendo una sostanza illegale in Gran Bretagna ad essere una sostanza medica in California, la marijuana è stata un argomento caldo per i governi britannici e statunitensi. Alcuni paesi lo hanno legalizzati, mentre altri hanno proibito la sua produzione, la sua vendita e il consumo completamente.

Uno dei più grandi dibattiti che circondano la pianta della cannabis è stata la sua relazione con il fumo di marijuana. Questa controversia è iniziata quando il National Geographic mostra documentari che hanno esaminato l’uso della marijuana. A un certo punto, in realtà avevano una squadra che fumava marijuana e ha confrontato i risultati con i risultati del tabacco da fumo. Fu ritrovato che la marijuana ha fatto infatti produrre un alto, ma la differenza era molto sottile. Altri scienziati hanno tentato di eseguire il backup di queste affermazioni esaminando il modo in cui la marijuana colpisce il cervello, ma finora non sono stati in grado di duplicare i risultati della squadra geografica nazionale.

Anche se il governo degli Stati Uniti non ha approvato l’uso della cannabis come medicina, molti stati hanno preso la posizione che può essere venduta come prodotto ricreativo. Le vendite di cannabis sono attualmente legali in Colorado, Washington e Oregon, ma il Ninfining Canada ha preso una decisione di classificarlo ufficialmente come una droga pericolosa. A luglio, il governo canadese ha dichiarato che non consentirà l’uso ricreativo della marijuana.

Anche la storia della marijuana è interessante in questo molti paesi ha legalizzato una qualche forma di un punto o un altro. In Europa, è legalizzato in modo molto limitato per mantenere il farmaco dalle mani dei bambini piccoli. Sebbene sia controllato in una certa misura in molti dei paesi in tutto il mondo, è ancora considerato un farmaco pericoloso. Ci sono stati pochissimi studi effettuati sull’uso medicinale della marijuana, e molti esperti ritengono che più studio deve essere fatto in merito prima che sia legalizzato in tutta Europa. Molti paesi in Europa hanno leggi diverse quando si tratta di uso ricreativo della marijuana, ed è ampiamente creduto che dovrebbe essere legalizzato in tutte queste nazioni.

In Messico, la vendita e la distribuzione della cannabis sono strettamente regolamentate, ma la disponibilità di esso è aumentata significativamente dal momento che il governo messicano ha iniziato a fronteggendo su di esso. Per questo motivo, molti utenti di questo farmaco sono migrati in altri paesi della zona, compresi gli Stati Uniti. In California da sola, ci sono circa il 35% degli utenti di marijuana che non sono né dipendenti né usando il farmaco per scopi medicinali.

Quando si tratta degli Stati Uniti, la marijuana ha alcuni usi medicinali. Alcuni studi hanno dimostrato che può aiutare a ridurre i sintomi dei pazienti con glaucoma e chemioterapia. Tuttavia, nonostante questo, è ancora illegale vendere cannabis o qualsiasi altro tipo di prodotti di cannabis negli Stati Uniti in qualsiasi circostanza. Inoltre, può essere considerato come un narcotico illegale sotto la legge federale, sebbene la marijuana non sia considerata pericolosa come eroina o LSD.

Come i benefici per la marijuana medica possono essere acquisiti se usati nel cibo

Mentre molte persone potrebbero prendere in considerazione l’utilizzo di cannabis per aiutarli a smettere di fumare o diventare alto, la verità è che è possibile mangiare cannabis. In effetti, non è solo la cannabis che può avere effetti psicoattivi sul corpo, ma anche gli altri elementi trovati all’interno della pianta. Alcuni di questi elementi sono CBD e THC, che sono noti come componenti psicoattivi della cannabis. Queste due sostanze chimiche lavorano insieme per produrre i vari effetti che le persone possono trovarsi attraverso. Diamo un’occhiata ad alcuni degli effetti che alcuni cibi possono avere sul tuo corpo quando li consumi, oltre a come possono aiutarti a smettere di fumare o ridurre l’appetito.

Prima di tutto, alcuni dei migliori cibi per la tua salute possono aiutare a ridurre gli effetti che ti senti di ingerire la cannabis. Alcune delle migliori proprietà di questa pianta derivano dal modo in cui interagisce con le cellule grasse. Quando si consumano cannabis, crea un endocannabinoid che è simile a quello che si trova nel tuo corpo. Funziona per combattere gli effetti psicoattivi che potrebbero venire a causa di troppo fumo o uso. Molti studi sono stati fatti su questo argomento e hanno scoperto che mangiare un’alta quantità di CBD può aiutare a ridurre i problemi che stai vivendo a causa di troppo fumo o uso.

Un’altra cosa che le persone potrebbero trovare bene per la loro salute quando si tratta di cannabis è il fatto che può aiutarti ad alzarti senza doverlo fumare. C’è una forte correlazione tra la quantità di THC che è nella pianta e la quantità di altezza che le persone sperimentano. Pertanto, se stai cercando di smettere di fumare o ridurre la quantità di gemma che stai consumando, probabilmente vorrai prendere in considerazione l’aggiunta di un’alta dose di CBD nella tua dieta. Questo ti aiuterà a non accompagnare senza il rischio di avere una spiacevole associazione mentale con il fumo o l’uso di cannabis.

Le persone possono anche scoprire che sono in grado di non accompagnare usando la cannabis quando si tratta di ridurre la quantità di stress che stanno attualmente vivendo. Lo stress è considerato uno dei principali contributori ai problemi relativi alla salute. Pertanto, adottando una quantità adeguata di CBD può aiutare ad alleviare i sintomi che si stanno vivendo. Questo è particolarmente vero quando consideri i vari sintomi fisici e psicologici associati a un sacco di stress nella società di oggi. Puoi anche scoprire che è utile fare alcuni esercizi di respirazione profonda quando si è sotto una quantità significativa di stress per aiutare a rilassarti più facilmente.

C’è anche una possibilità reale che i benefici per la marijuana medica possano contribuire a migliorare la memoria. Questo è spesso il caso in cui consideri che la marijuana medica che consuma sia fatta da tutti gli ingredienti naturali. Non ci sono conservanti artificiali, coloranti o dolcificanti che sono usati per farlo. Pertanto, è noto per essere una delle forme più pure di cannabis disponibili sul mercato. Infatti, è anche ampiamente riconosciuto come una delle forme più efficaci di miglioramento della memoria disponibile.

Quando si tratta di essere accompagnati, ci sono una varietà di cose diverse che le persone che consumano la marijuana medica possono fare per raggiungere i loro obiettivi. Pertanto, se è quello di affrontare il dolore che hai vissuto, o ad alzarsi, potresti scoprire che questa forma di cannabis può fornirti tutta l’assistenza di cui hai bisogno. Tuttavia, dovresti assicurarti di consumare solo un importo appropriato per te. La marijuana è ancora considerata una sostanza che può portare ad alcuni problemi gravi se si consuma troppo.

Alla scoperta dei potenziali benefici della marijuana medica

Ci sono numerosi benefici per la salute della cannabis, e un numero crescente di esperti medici in tutto il mondo stanno riconoscendo questo. Uno dei vantaggi più significativi della cannabis, almeno in alcuni circoli, è la sua capacità di trattare malattie come il cancro. La marijuana medica, nota anche come tetraidrocannabinoidi, è stata nota per arrestare o ridurre la crescita di tumori maligni nel tessuto umano. Questo non è solo un metodo efficace per il trattamento di varie forme di cancro, ma ha anche altri effetti positivi sulla fisiologia umana. Molti di questi effetti positivi provengono da CBD, un composto trovato in cannabis che sembra essere in grado di prevenire la crescita dei tumori.

Due dei dolori più comuni sembravano i pazienti di cancro sono gravi dolore e nausea associata a chemioterapia. Mentre la definizione standard della chemio è l’azione di uccidere o ridurre le cellule tumorali attraverso mezzi chimici, molte pratiche cliniche utilizzano la chemio significano qualsiasi farmaco che riduce l’appetito e diminuisce il livello di energia dei pazienti con cancro. Tra gli effetti collaterali della chemioterapia è la perdita di appetito e perdita di peso, entrambi dei quali sono effetti indesiderati per chiunque cerchi di combattere questo tipo di malattia. Oltre a ridurre l’appetito e i livelli di energia, la nausea associata alla chemioterapia spesso si traduce nel vomito e può rendere un paziente altrimenti perfettamente sano incapace di mangiare o bere nulla. CBD ha dimostrato di alleviare la nausea in molti modi diversi, anche in un modello di animale.

Un altro vantaggio a lungo termine della cannabis è la sua capacità di trattare il dolore a lungo termine. Questo fenomeno è chiamato l’effetto analgesico di THC. Le basse dosi di CBD hanno dimostrato di essere altrettanto efficaci nel ridurre i sentimenti dolorosi vissuti durante la chemioterapia come alta dose del farmaco, Diazepam. La riduzione dei sintomi rende la cannabis un trattamento ideale per coloro che soffrono di dolore cronico.

Un effetto correlato a lungo termine della cannabis è un aumento dell’appetito. Questo effetto è chiamato effetto Entactogeno. Entactogeni sono sostanze che causano un rilascio di sostanze chimiche nel cervello che causano l’aumento dell’appetito. Un esempio di un Entactogeno è il rilascio di ormoni legati allo stress durante l’anticipazione della versione sessuale. Lo stesso effetto può essere raggiunto attraverso il consumo di cannabis.

Quando si tratta di nausea e dolore cronico, gli effetti della marijuana medica non finiscono con quelli sopra menzionati. Due vantaggi aggiuntivi di cannabis derivano dalle sue proprietà anti-emetiche. Il primo è la riduzione della nausea e del vomito che si verificano a causa della chemioterapia. Il secondo è la riduzione degli effetti collaterali dannosi causati dagli agenti tossici trovati in determinati farmaci per cancro. Molte di queste sostanze chimiche sono note per contribuire allo sviluppo della leucemia e di altri tumori. Usando la cannabis, i malati del cancro sono in grado di prendere la loro medicina mentre si verificano ancora la nausea e il vomito indotto dalla medicina.

Altri potenziali benefici della cannabis sono l’alleviamento del disagio dall’artrite e dal dolore cronico. Queste due condizioni sono tipicamente trattate utilizzando farmaceutici sintetici come steroidi e ibuprofene. Attraverso l’uso della cannabis, una persona può essere in grado di ridurre l’infiammazione causata da questi prodotti farmaceutici senza sviluppare effetti collaterali negativi. Alcuni esperti ritengono inoltre che l’interazione dei vari componenti attivi della marijuana con il neurotrasmettitore GABA contribuisca al sollievo dal dolore e dalla riduzione della possibilità di convulsioni.